Author:

“Va’ e anche tu fa’ lo stesso”

“I verbi del samaritano ci aiutano a svestirci della pretesa di essere autosufficienti, ci aiutano di fronte al rischio di assumere logiche di possesso e di prevaricazione. Essi rappresentano la magna charta di ogni uomo incontrato dall’umanità di Gesù.”  (DALLA LETTERA PASTORALE DEL VESCOVO MIMMO “Coraggio. Alzati, ti chiama!”)   “Giovanotto, io non vedo niente. C’è solo un po’ di nebbia che annuncia il sole. … Continua a leggere “Va’ e anche tu fa’ lo stesso” »

“Pagherò al mio ritorno”

“E in mezzo a questo mare cercherò di scoprire quale stella sei. Perché mi perderei se dovessi capire che stanotte non ci sei. È la notte dei miracoli, fai attenzione.” (LA SERA DEI MIRACOLI, Lucio Dalla) Non solo il samaritano paga di tasca sua e ci rimette, non recriminando e non lamentandosi, ma garantisce all’oste che ciò che spenderà di più per quell’uomo, glielo rimborserà … Continua a leggere “Pagherò al mio ritorno” »

IL VARCO DELLA SPERANZA

Carissima Ilaria, ho pensato di dedicare a te questa lettera di Pasqua, a te che non hai sprecato neanche uno dei quaranta giorni di Quaresima, sopportando quel macigno che porti sul cuore e dandogli, di volta in volta, un nome e un volto. A te che non sei scappata dinanzi alla paura, come i discepoli timorosi di perdere la vita, ma sei rimasta lì con … Continua a leggere IL VARCO DELLA SPERANZA »

“Tirò fuori due denari (pagò per lui)”

“Pagò per lui” è l’espressione più alta dell’amore e della giustizia. L’agire del samaritano continua ad interrogare tutti. Egli non aspetta corrispondenze nell’amore, paga e anticipa, accantonando i suoi progetti.  (DALLA LETTERA PASTORALE DEL VESCOVO MIMMO “Coraggio. Alzati, ti chiama!”) “Sentì il dolore nella musica, si alzò dal pianoforte. Ma quando vide la luna uscire da una nuvola, gli sembrò più dolce anche la morte. … Continua a leggere “Tirò fuori due denari (pagò per lui)” »

“Lo portò in un albergo”

Come non pensare alle nostre parrocchie, chiamate a diventare “locande”, cioè luoghi in cui la comunità intera può imparare alla scuola del samaritano. Il gesto del samaritano ci ricorda che tutti siamo chiamati a scegliere la via dell’accoglienza, la via del servizio gratuito.  (DALLA LETTERA PASTORALE DEL VESCOVO MIMMO “Coraggio. Alzati, ti chiama!”) Dopo un po’ di cammino insieme, le strade del samaritano e dell’uomo … Continua a leggere “Lo portò in un albergo” »

“Lo caricò sulla sua cavalcatura”

Prendersi cura non è scaricare la responsabilità su altri. Il samaritano utilizza il suo giumento, mette a disposizione i mezzi in suo possesso, innescando un processo di solidarietà.  (DALLA LETTERA PASTORALE DEL VESCOVO MIMMO “Coraggio. Alzati, ti chiama!) Fa pensare questo samaritano che caricò quell’uomo sul suo cavallo; fa pensare che abbia voluto mettere a sua disposizione tutto quanto aveva in possesso in quel momento … Continua a leggere “Lo caricò sulla sua cavalcatura” »

VETRI ROTTI, PROFEZIA DI SPERANZA – Omelia per la Messa Crismale del Mercoledì Santo, 17 aprile 2019

Carissimi tutti e in particolare cari confratelli nel sacerdozio, provo davvero profonda gioia nel ritrovarmi qui con voi, in questa celebrazione così significativa per noi e per tutto il popolo di Dio. Rivedo i passi salienti di quest’anno, gli incontri, l’ansia pastorale, il desiderio di diventare sempre di più persone che servono come Gesù, che non è venuto per essere servito ma per servire e … Continua a leggere VETRI ROTTI, PROFEZIA DI SPERANZA – Omelia per la Messa Crismale del Mercoledì Santo, 17 aprile 2019 »

“Gli versò olio e vino”

Il gesto del samaritano è molto eloquente, richiama la capaci­tà della Chiesa, attraverso i sacramenti, di farsi vicina a ciascun uomo. È segno di una Chiesa che è madre accogliente perché concreta e storica, innamorata dell’umanità e per essa disposta a dare la vita. (DALLA LETTERA PASTORALE DEL VESCOVO MIMMO “Coraggio. Alzati, ti chiama!)   “Tienimi su quando sto per cadere, tu siediti qui, parlami … Continua a leggere “Gli versò olio e vino” »

“Gli fasciò le ferite”

Fasciare le ferite significa, dunque, sapere accompagnare a volgere lo sguardo verso l’amore che permette un’autentica esperienza di liberazione, di salvezza. Fasciare le ferite indica quel cammino condiviso, capace di innescare un processo che porta alla vera rivoluzione della tenerezza evangelica, che papa Francesco auspica. (DALLA LETTERA PASTORALE DEL VESCOVO MIMMO “Coraggio! Alzati, ti chiama!”) “E qui siamo proprio nel mezzo nella terra degli uomini, … Continua a leggere “Gli fasciò le ferite” »